La prima condizione perché il dialogo sia possibile è il rispetto reciproco che implica  il dovere di comprendere lealmente ciò che l’altro dice.

Norberto Bobbio


A vent’anni dalla morte di Norberto Bobbio (Torino, 18 ottobre 1909 – 9 gennaio 2004), con le iniziative che saranno a lui dedicate ci proponiamo di cercare una risposta alla domanda: Qual è la sua eredità politica e culturale oggi? In altre parole: Quale Bobbio?
La vita e l’opera di Bobbio presentano varie facce tra loro collegate: l’uomo, il professore, il filosofo del diritto e della politica, lo storico del pensiero politico e lo scienziato della politica, lo storico della cultura, l’uomo e il commentatore politico, lo scrittore e il memorialista. A cui è da aggiungere, in particolare negli ultimi tempi, l’attenzione rivolta a grandi temi morali ed esistenziali come la vecchiaia e la mitezza.
Nonostante il suo scetticismo, si può trovare un filo rosso che attraversa la vita e l’opera di Bobbio: il dialogo razionale. Un’attività coltivata dalla grande cultura novecentesca e che colloca Bobbio nel novero dei più autorevoli intellettuali pubblici: Jacques Le Goff, Ralf Dahrendorf, Bronislaw Geremek, François Furet, Georges Duby, Michele Perrot, Fernando Savater, Zygmunt Bauman, John Rawls, Amartya Sen. La sua opera ha avuto una straordinaria diffusione sul piano internazionale, con particolare riguardo all’America Latina, e i suoi libri sono stati tradotti in tutto il mondo.
L’eredità di Bobbio è quella di un grande “intellettuale pubblico” che appartiene a una famiglia di intellettuali che in vario modo si richiama in un senso ampio all’Illuminismo. L’intellettuale pubblico è chiamato a svolgere il compito del “guardiano della luce”. Se ci si pone dal punto di vista Bobbio, non ci resta che una strategia illuminista – certo da ripensare e aggiornare – “cercando di preservare il lume della ragione per i tempi bui”.

Le iniziative in programma

♦ Giovedì 18 gennaio | h. 16 | Sala Rossa – Palazzo Civico (Via Palazzo di Città, 1 – Torino)
Per un profilo intellettuale e politico di Norberto Bobbio. Appuntamento commemorativo per ricordare Norberto Bobbio
 
PROGRAMMA
Saluti istituzionali: Città di Torino e Centro studi Piero Gobetti
Intervento di Andrea Bobbio
Ricordo di Gustavo Zagrebelsky
 
Per i vent’anni dalla scomparsa, il Centro studi Piero Gobetti e la Presidenza del Consiglio Comunale della Città di Torino organizzano l’incontro “Per un profilo intellettuale e politico di Norberto Bobbio”. Si tratta di una ricorrenza che rappresenta un’occasione non solo di ricordo, ma di confronto sull’eredità della riflessione bobbiana. Norberto Bobbio ha avuto un profondo e significativo legame con la città di Torino, il cui retroterra politico e culturale si colloca, nella tradizione gobettiana torinese, che negli anni della Resistenza è confluita nel Partito d’azione, fulcro della cultura politica laica della Repubblica.
Per info e prenotazioni entro il 15/01/2024 (fino a esaurimento posti): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IL PROGRAMMA SARA' COSTANTEMENTE AGGIORNATO

Centro studi Piero Gobetti

Via Antonio Fabro, 6
10122 Torino
c.f 80085610014
 
Tel. +39 011 531429
Mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pec. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua mail e sarai sempre
aggiornato sulle nostre attività!