Lunedì, Giugno 26, 2017

Spagna, perchè?

Spagna, perchè? Dal 1931 a oggi: un paradigma del Novecento europeo
Mostra itinerante
La storia spagnola degli ultimi settanta anni racchiude e manifesta tutte le contraddizioni che hanno caratterizzato il Novecento in Europa.
Dalla ricerca di una democrazia nuova, avanzata, che desse speranza alle classi subalterne, si è passati attraverso una guerra civile, una lunga dittatura storicamente contraddittoria, e una fase di transizione per arrivare alla realizzazione di una democrazia consolidata basata su un autentico federalismo politico e linguistico, con una classe dirigente giovane e dinamica, che ha promosso riforme e cambiamenti di costume guardati con interesse dagli altri paesi europei.
L'Italia, di tutti questi passaggi ha una percezione confusa, filtrata spesso attraverso la lente sfuocata dei luoghi comuni. Costituisce un'eccezione la guerra civile del 1936-39, uno dei momenti salienti nella storia del Novecento, oggetto di numerosi studi.
L'obiettivo principale della mostra è quello di superare il puro e semplice ricordo della guerra civile spagnola – nonostante la sua importanza storica – e andare oltre.
Attraverso la conoscenza di queste vicende non solo si fa luce sulla storia della Spagna, ma si intercettano le grandi svolte della storia europea contemporanea.

La mostra, di carattere didattico divulgetivo, è stata realizzata a partire dai documenti del “fondo Spagna” depositato presso il Centro studi Piero Gobetti e vuole testimoniare il costante interesse manifestato dal Centro per le vicende spagnole, con lo scopo di conservare la memoria del messaggio di libertà e democrazia trasmesso dalla Spagna nel periodo tra le due guerre mondiali e manifestare la solidarietà e l'impegno a un ritorno della democrazia durante gli anni della dittatura franchista.
immagine
La mostra è organizzata dal Centro studi Piero Gobetti, con il patrocinio del Ministerio de Educaciòn y Ciencia dell’Ambasciata di Spagna in Italia, dell’Istituto Cervantes di Milano, e con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte e dell’Associazione Culturale Italia e Spagna.

Può essere richiesta da enti, associazioni e scuole interessate al Centro studi Piero Gobetti (tel. 011 531429 -535655 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

Risorse online

Top Headline
Il Baretti

«Il Baretti» è la rivista letteraria che Gobetti affiancò a «La Rivoluzione Liberale» nel 1924 e che gli sopravvisse fino al 1928. Tale versione, che sarà messa a disposizione sul sito internet del Centro studi in una sezione dedicata, permetterà la lettura...

Read More...
Energie nove

«Energie Nove» è la prima delle tre riviste gobettiane. D’ispirazione salveminiana, fu progettata da Piero Gobetti diciassettenne, nel periodo delle vacanze estive fra la fine del liceo e l’inizio dell’università, e pubblicata tra il 1918 e il 1920....

Read More...
La Rivoluzione Liberale

«La Rivoluzione Liberale» uscì per quasi quattro anni tra il 1922 e il 1925. Il primo numero apparve il 12 febbraio 1922, con un appello ai lettori in cui si proponeva di formare una classe politica che avesse «chiara coscienza delle sue tradizioni storiche...

Read More...
Bibliografie On-line

Bibliografia degli scritti "di" Norberto Bobbio Si tratta di uno strumento informatico unico nel suo genere, a livello nazionale e internazionale, che consente di effettuare ricerche avanzate, utilizzando più chiavi di ricerca sull'intera produzione scientifica...

Read More...
Quarant'anni fa il Sessantotto

I movimenti di protesta del 1968 sono stati uno dei fenomeni politici e sociali più importanti del XX secolo. Un fenomeno mondiale, che ha interessato non solo i paesi industriali del Nord America e dell'Europa occidentale, ma anche l'America Latina, il Giappone...

Read More...

Didattica

Top Headline

Un secolo di filosofia. Dieci tappe nel pensiero italiano del ‘900   PRESENTAZIONE Il Laboratorio di filosofia del Centro studi Piero Gobetti propone anche per l’anno accademico 2013-2014 un corso di storia del pensiero italiano interamente dedicato...

Read More...

  LEZIONI RECITATE  2014:III fase Testi di Leonardo Casalino recitati da Marco Gobetti Ideazione di Gabriela Cavaglià, Marco Gobetti, Leonardo Casalino Progetto del Centro studi Piero Gobetti in collaborazione con l’Ass. cult. Compagnia Marco...

Read More...

PREMIO IN MEMORIA DI GUIDO FUBINI Tesi di dottorato di ricerca I edizione – 2010/2011 L'Unione delle comunità ebraiche italiane, la Comunità ebraica di Torino, il Gruppo di studi Ebraici, l'Istituto di studi storici Gaetano Salvemini, il Centro studi Piero...

Read More...
Spagna, perchè?

Spagna, perchè? Dal 1931 a oggi: un paradigma del Novecento europeo Mostra itinerante La storia spagnola degli ultimi settanta anni racchiude e manifesta tutte le contraddizioni che hanno caratterizzato il Novecento in Europa. Dalla ricerca...

Read More...
La mostra itinerante

La mostra, di carattere didattico divulgativo, è composta da venti pannelli autoportanti 1931 ritorna la democrazia e la Spagna diventa una repubblica 1933-1936 difficili anni tra fermenti...

Read More...

Centro studi Gobetti

Istituto culturale dedicato allo studio della storia e del pensiero politico del ventesimo secolo, fondato nel 1961. Ha sede nella casa dove abitarono Piero e Ada.
Leggi

Biblioteca

Biblioteca specializzata sulla storia del pensiero politico contemporaneo e su alcune figure e correnti della politica e della cultura italiane del Novecento.
Leggi

Archivio

Oltre alle carte di Piero e di Ada Gobetti, l’archivio conserva fondi personali e di movimenti politici e sociali di grande interesse per la storia del Novecento.
Leggi

polo del 900

http://1canadianxpills.com/buy-cytotec-online-cheap/ pharmacy

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. Per avere maggiori informazioni sui cookie guarda la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.