Home L'Archivio Elenco Fondi

Centro studi Gobetti

Istituto culturale dedicato allo studio della storia e del pensiero politico del ventesimo secolo, fondato nel 1961. Ha sede nella casa dove abitarono Piero e Ada.
Leggi

Biblioteca

Biblioteca specializzata sulla storia del pensiero politico contemporaneo e su alcune figure e correnti della politica e della cultura italiane del Novecento.
Leggi

Archivio

Oltre alle carte di Piero e di Ada Gobetti, l’archivio conserva fondi personali e di movimenti politici e sociali di grande interesse per la storia del Novecento.
Leggi

p4

polo del 900

Fondo Giuseppe Rapelli
Denominazione
Giuseppe Rapelli
Estremi cronologici
1920 - 1968
Consistenza
38 faldoni
Scheda biografica
Nato a Castenuovo d'Asti (oggi Castelnuovo Don Bosco) il 21 ottobre 1905, deceduto a Roma il 17 giugno del 1977. Giuseppe Rapelli si trasferisce a Torino in seguito alla morte del padre e milita fin da giovanissimo nelle file della Gioventù cattolica arrivando alla carica  di delegato diocesano per le attività sociali. Il precoce interesse per i problemi sociali e sindacali lo porta a iscriversi - quando inizia a lavorare presso i docks dello scalo Torino-Dora - al sindacato cattolico degli impiegati e commessi, di cui ricopre, appena diciottenne, la carica di segretario cittadino. Nei primi anni venti, quando la violenza fascista si fa sentire anche sulle organizzazioni sindacali "bianche", Rapelli diviene una figura di spicco  dell'Unione del lavoro di Torino fino ad assumerne la segreteria nel dicembre del 1924. Da segretario persegue la linea delle intese interconfederali tra sindacati “bianchi” e “rossi”,  che a Torino consentono al fronte sindacale di reggere al fascismo fino all'estate del 1925.
Negli anni successivi, quando gli spazi operativi si riducono sempre di più, la battaglia di Rapelli si sviluppa principalmente  attraverso il periodico “Il lavoratore. Rassegna mensile del movimento operaio”, da lui fondato nel gennaio del 1926 e diretto  con la collaborazione di Gioachino Quarello, Maria Luda, Rodolfo Arata. Dal febbraio del 1926 entra a far parte con Achille Grandi e Giovanni Gronchi entra del triumvirato che regge le sorti della Confederazione italiana dei lavoratori (CIL), sciolta però dal fascismo nello stesso anno. Dopo di allora si ritira a vita privata, anche se fino al 1937 viene sottoposto a sorveglianza particolare essendo stato incluso nel novero dei sovversivi.
Ritornato alla vita pubblica alla caduta del fascismo, ha una parte di rilievo sia nella rinascita del sindacalismo  sia nella costituzione della Democrazia cristiana. Sul fronte sindacale diviene nel 1945 uno dei tre segretari della Camera del Lavoro di Torino, si impegna  nella fondazione delle Acli piemontesi di cui assume la presidenza. Alla morte di Achille Grandi, nel settembre del 1946,  diventa il leader della corrente sindacale cristiana nella Cgil unitaria (carica che mantiene fino al 1947). Sul fronte politico entra a far parte, nell'estate del 1945, del Consiglio nazionale della Dc e viene poi eletto all'Assemblea Costituente, dove partecipa alla Commissione dei Settantacinque, lavorando nella III sottocommissione per i problemi economico-sociali. E' rieletto alla Camera fino al 1963.
Esponente di spicco della sinistra democristiana, su posizioni vicine a quelle di Giovanni Gronchi, entra in forte contrasto con il gruppo dirigente cattolico, tanto nel sindacato quanto nel partito. Fautore di un sindacalismo che si ispiri alla dottrina sociale della Chiesa, critica la scissione sindacale del 1948 e si pone in minoranza all'interno della Cisl, contestando la leadership di Giulio Pastore. Mentre sul piano politico, allo scoppio della guerra fredda, manifesta posizioni neutraliste e giudica negativamente la svolta "Atlantica" dell'Italia.
Progressivamente emarginato dai gruppi dirigenti della Dc e della Cisl, nella seconda metà degli anni cinquanta appoggia la formazione dei Liberi lavoratori democratici e poi del SIDA ( Sindacato italiano dell'auto), subendo l'espulsione dalle Acli nel 1958.
Amareggiato dalle delusioni politiche e tormentato da gravi problemi di salute, che lo porteranno lentamente alla quasi totale cecità, si ritira infine a vita privata.
Storia archivistica
La documentazione, di notevole importanza per la ricostruzione delle vicende del sindacato e del partito cattolico nel periodo pre e post- fascista, testimonia l'attività politica e sindacale di Giuseppe Rapelli. Comprende, tra l'altro, documenti originali e inediti, una vastissima sezione di testi e atti parlamentari, e una importante raccolta di quotidiani, settimanali e riviste.
Modalità di acquisizione
Il materiale è stato donato al Centro dal figlio Giovanni alla fine degli anni settanta. Successivamente altro materiale è confluito al Centro grazie alla ricercatrice Mariangiola Reineri che lo aveva recuperato per una sua ricerca.
Contenuto
Lettere manoscritte e dattiloscritte elenchi manoscritti bilanci e documenti amministrativi, testi manoscritti e dattiloscritti, documenti a stampa, periodici, bozze di stampa, verbali dattiloscritti e a stampa, volantini ciclostilati, circolari, inventari, tabelle, programmi, statuti, materiali di propaganda, documenti vari sui Consigli di Gestione, ritagli stampa, telegrammi, ordini del giorno, appunti manoscritti, opuscoli, atti parlamentari, documenti di propaganda elettorale, fotografie, tessere, curricula vitae.
Ordine e struttura
Serie 1. Sindacato
Sottoserie 1. Unione del lavoro
Sottoserie 2. Sindacati di categoria
Sottoserie 3. "Il Lavoratore"
Sottoserie 4. Confederazione italiana del lavoro
Sottoserie 5. Cgil unitaria
Sottoserie 6. Libera CGIL, torinese e nazionale
Sottoserie 7. Cgil e altri sindacati
Sottoserie 8. Movimento sindacale cristiano internazionale
Sottoserie 9. varie sindacali
Sottoserie10. Attività sindacale varia di Giuseppe Rapelli
Sottoserie 11. Ritagli stampa
Serie 2. Acli
Serie 3. Attività politica
Sottoserie 12. Democrazia Cristiana
Sottoserie 13. Consulta Nazionale e Assemblea Costituente
Sottoserie 14. Interventi alla camera di Giuseppe Rapelli
Sottoserie 15. Attività parlamentare
Sottoserie 16. Commissione d'inchiesta sulle condizioni dei lavoratori
Sottoserie 17. Relazioni, interventi, articoli, discorsi di G. Rapelli
Serie 4. Corrispondenza varia di Giuseppe Rapelli
Serie 5. Materiali vari su Achille Grandi
Serie 6. Attività giornalistica di Giuseppe Rapelli
Serie 7. Opuscoli e articoli
Serie 8. Miscellanea
Strumenti archivistici
Elenco sommario dei fondi conservati al Centro.
Il Centro studi Piero Gobetti. 1961-1981, Torino 1962, pp.23-24
Guida al Fondo Rapelli a cura di Franco Ramella e Mariangiola Reineri
Consultabilità
Libera
Bibliografia
Il Centro studi Piero Gobetti. 1961-1981, Torino 1962, pp.23-24
Collocazione
Sala biblioteca B, Scaffale B3, Palchetti 2-6
Antroponimi
Grandi Achille; Gronchi Giovanni; Quarello Gioachino; Luda Maria; Arata Rodolfo.
Toponimi
Castenuovo Don Bosco; Roma.
Enti
Confederazione italiana dei lavoratori; Cgil; Cisl; Sida; Il lavoratore. Rassegna mensile del movimento operaio, periodico; Democrazia cristiana; Il Lavoratore. Rassegna mensile del movimento operaio, periodico; Assemblea Costituente; Consigli di Gestione
Responsabilità
Barbalato Silvana
 
dipnude

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. Per avere maggiori informazioni sui cookie guarda la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.