Mercoledì, Marzo 29, 2017

La Rivoluzione Liberale

riv-liberale-piccolo2«La Rivoluzione Liberale» uscì per quasi quattro anni tra il 1922 e il 1925. Il primo numero apparve il 12 febbraio 1922, con un appello ai lettori in cui si proponeva di formare una classe politica che avesse «chiara coscienza delle sue tradizioni storiche e delle esigenze sociali nascenti dalla partecipazione del popolo alla vita dello Stato». L'ultimo apparve l'8 novembre 1925, in seguito ad una diffida del prefetto di Torino, in cui si attribuiva alla rivista il ben diverso proposito di mirare «con irriverenti richiami, alla menomazione delle Istituzioni Monarchiche, della Chiesa, dei Poteri dello Stato, danneggiando il prestigio nazionale».

Dai ripetuti sequestri del giornale alle persecuzioni di molti tra gli abbonati, dalle perquisizioni alle confische, la collezione della rivista è diventata rara, alcuni numeri rarissimi. Pochi privati l'anno conservata, pochissime biblioteche la possiedono. Tanto più introvabile quanto più ricercata: essa è diventata uno strumento indispensabile per conoscere la storia degli anni in cui nella lotta contro il fascismo vengono posti da piccoli gruppi di avversari indomabili, con insolita energia e con chiaroveggente spregiudicatezza, i grandi problemi della nostra società nazionale.
  
riv-lib-digitale-piccoloLa versione digitale   
Grazie alla collaborazione con il Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario gobettiano, tra il 2001 e il 2005 è stata realizzata una versione “digitale” dell'intera raccolta de «La Rivoluzione Liberale», la più nota delle riviste create da Piero Gobetti, uscita settimanalmente dal febbraio 1922 al novembre 1925, quando fu soppressa dalle autorità fasciste.
Il progetto (elaborato con la direzione scientifica di Marco Revelli) aveva un duplice scopo: da un lato, rendere facilmente accessibile, grazie alle possibilità offerte dalla rete, una delle più importanti riviste di cultura e di politica del Novecento italiano; dall'altro, offrire strumenti avanzati di consultazione, ma anche di ricerca sui testi. Ipotizzando, cioè, un pubblico composto sia di generici lettori, o di “navigatori” della rete, sia di studiosi che abbiano invece interessi e obiettivi più specifici.
La rivista è quindi stata resa consultabile tanto nel suo formato originario (riprodotto tramite scansione elettronica), quanto in un formato di testo, nel quale i singoli articoli, o parti di essi, possono anche essere copiati e/o stampati. Inoltre tutti gli articoli (comprese le prefazioni, postille e note redazionali, con l'unica esclusione delle inserzioni pubblicitarie) sono stati schedati con il programma Erasmo, già sperimentato nella gestione delle biblioteche e modificato ad hoc, realizzando così una base-dati comprendente i nomi degli autori, i titoli degli scritti, il numero e la data del fascicolo di appartenenza, l'anno di pubblicazione, la lingua, il genere, i soggetti trattati e gli eventuali rimandi ad altri articoli della rivista. Inoltre sono stati indicizzati tutti i nomi di persona, di luogo, di partiti e movimenti politici, di giornali e riviste che compaiono nei vari articoli.
   
L'utente, collegandosi alla base-dati tramite il sito ufficiale del Centro studi, può muoversi pertanto in più direzioni. A partire dalla scheda di interrogazione, può risalire a tutti gli articoli che rispondono a uno o più criteri di selezione, prenderne visione ed eventualmente stamparlo; ma può anche, viceversa, partire da un determinato nome di persona – o di luogo, di ente, ecc. –, evidenziato nel testo (a ogni categoria di indice corrisponde un diverso colore), e da quello risalire a tutti gli altri scritti che contengono il medesimo elemento.
Si tratta dunque di uno strumento decisamente all'avanguardia, tanto sotto il profilo tecnico, quanto sotto l'aspetto culturale, che per la prima volta mette a disposizione del pubblico una fonte storica trattata con le moderne tecnologie informatiche. Di questa edizione della rivista è disponibile anche una “Guida” a stampa («La Rivoluzione Liberale» in edizione digitale. Il settimanale di Piero Gobetti analizzato con le moderne tecnologie, Torino, Centro studi Piero Gobetti, 2005) che può essere richiesta gratuitamente presso il Centro studi.

Accedi alla versione digitale 

Risorse online

Top Headline
Il Baretti

«Il Baretti» è la rivista letteraria che Gobetti affiancò a «La Rivoluzione Liberale» nel 1924 e che gli sopravvisse fino al 1928. Tale versione, che sarà messa a disposizione sul sito internet del Centro studi in una sezione dedicata, permetterà la lettura...

Read More...
Energie nove

«Energie Nove» è la prima delle tre riviste gobettiane. D’ispirazione salveminiana, fu progettata da Piero Gobetti diciassettenne, nel periodo delle vacanze estive fra la fine del liceo e l’inizio dell’università, e pubblicata tra il 1918 e il 1920....

Read More...
La Rivoluzione Liberale

«La Rivoluzione Liberale» uscì per quasi quattro anni tra il 1922 e il 1925. Il primo numero apparve il 12 febbraio 1922, con un appello ai lettori in cui si proponeva di formare una classe politica che avesse «chiara coscienza delle sue tradizioni storiche...

Read More...
Bibliografie On-line

Bibliografia degli scritti "di" Norberto Bobbio Si tratta di uno strumento informatico unico nel suo genere, a livello nazionale e internazionale, che consente di effettuare ricerche avanzate, utilizzando più chiavi di ricerca sull'intera produzione scientifica...

Read More...
Quarant'anni fa il Sessantotto

I movimenti di protesta del 1968 sono stati uno dei fenomeni politici e sociali più importanti del XX secolo. Un fenomeno mondiale, che ha interessato non solo i paesi industriali del Nord America e dell'Europa occidentale, ma anche l'America Latina, il Giappone...

Read More...

Didattica

Top Headline

Un secolo di filosofia. Dieci tappe nel pensiero italiano del ‘900 PRESENTAZIONE Il Laboratorio di filosofia del Centro studi Piero Gobetti propone anche per l’anno accademico 2013-2014 un corso di storia del pensiero italiano interamente dedicato alla...

Read More...

  LEZIONI RECITATE  2014:III fase Testi di Leonardo Casalino recitati da Marco Gobetti Ideazione di Gabriela Cavaglià, Marco Gobetti, Leonardo Casalino Progetto del Centro studi Piero Gobetti in collaborazione con l’Ass. cult. Compagnia Marco...

Read More...

PREMIO IN MEMORIA DI GUIDO FUBINI Tesi di dottorato di ricerca I edizione – 2010/2011 L'Unione delle comunità ebraiche italiane, la Comunità ebraica di Torino, il Gruppo di studi Ebraici, l'Istituto di studi storici Gaetano Salvemini, il Centro studi Piero...

Read More...
Spagna, perchè?

Spagna, perchè? Dal 1931 a oggi: un paradigma del Novecento europeo Mostra itinerante La storia spagnola degli ultimi settanta anni racchiude e manifesta tutte le contraddizioni che hanno caratterizzato il Novecento in Europa. Dalla ricerca...

Read More...
La mostra itinerante

La mostra, di carattere didattico divulgativo, è composta da venti pannelli autoportanti 1931 ritorna la democrazia e la Spagna diventa una repubblica 1933-1936 difficili anni tra fermenti...

Read More...

Centro studi Gobetti

Istituto culturale dedicato allo studio della storia e del pensiero politico del ventesimo secolo, fondato nel 1961. Ha sede nella casa dove abitarono Piero e Ada.
Leggi

Biblioteca

Biblioteca specializzata sulla storia del pensiero politico contemporaneo e su alcune figure e correnti della politica e della cultura italiane del Novecento.
Leggi

Archivio

Oltre alle carte di Piero e di Ada Gobetti, l’archivio conserva fondi personali e di movimenti politici e sociali di grande interesse per la storia del Novecento.
Leggi

p4

polo del 900

Login Form

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. Per avere maggiori informazioni sui cookie guarda la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.